Home page
L'Alfasud I serie
Indietro

 

Verso la metà degli anni sessanta l'Alfa Romeo è forte!Arese funziona a meraviglia, se macchine non fanno in tempo ad essere prodotte che già vengono consegnate, l'azienda è nel pieno del boom economico.

 

Il Presidente Luraghi decide quindi affrontare una nuova sfida e creare, finalmente, l'Alfa Romeo per tutti. Certo il settore è già occupato dalla Fiat (che sta già studiando la rivoluzionaria 128), ma sicuramente i clienti non mancheranno.

Il Governo Italiano, padrone dell'IRI e quindi dell'Alfa Romeo accetta di buon grado la creazione di una nuova auto e soprattutto di una nuova fabbrica per produrla. L'immigrazione è un fenomeno importante in quegli anni, quindi perché non portare il lavoro al sud. Pensare che l'Alfa Romeo ha già un terreno, a  Pomigliano D'Arco (NA) dove venivano prodotte le Dauphine Renault e durante la guerra i motori d'aereo.

Fabbrica di Pomiliano (fonte Fiat Group)

L'ingegnier Rudolf Hruska è il capo progetto, lui stabilirà quali sono le caratteristiche della nuova vettura:
  1. massimo 3.90 m con un peso di circa 800 Kg
  2. motore Boxer (non dimentichiamo che era collaboratore di Porsche)
  3. cilindrata da 1200 a 1500
  4. serbatoio 50 litri
  5. freni anteriori inboard
  6. comportamento di guida Alfa Romeo

 

Rudolf Hruska (fonte Fiat Group)

immagine pubblicitaria (fonte Fiat Group)

 

Al salone di Torino del 1971, alcuni modelli di dell'Alfasud quattro porte e due porte vengono presentati al pubblico. Si tratta del primo lotto di pre-serie, ma è già sufficiente per apprezzare le doti della piccola Alfa, l'Alfa per tutti. Non dimentichiamo che si tratta della la prima trazione anteriore prodotta dalla Casa milanese. La linea è stata studiata dall'allora giovane Giorgetto Giugiaro che crea, anche grazie alle direttive Alfa, una linea molto aerodinamica (cx 0.40) con la coda tronca per uno stivaggio bagagli maggiore e il lunotto inclinato da coupè.

 

Vale la pena dire due parole sulle famose valige Hruska: l'ingegnere pretendeva che nel bagagliaio dell'Alfasud entrassero quattro valige 720x450. Le valige entrarono il problema furono le cerniere che vennero istallate esternamente (le classiche a collo d'oca avrebbero rubato posto) creando uno dei difetti di immagine e di affidabilità maggiori (si tranciavano a causa della ruggine)

 

esempio di cerniera porta bagagli

Queste le principali caratteristiche:

  • cilindrata 1186 cc

  • potenza 63 Cv a 6000 giri/min

  • coppia 83 Nm a 3500 giri/min

  • cambio a quattro marce

  • velocità massima superiore ai 150 Km/h

  • consumo medio 7,6 litri per 100 Km.

  • impianto frenante a dischi sulle quattro le ruote, ma senza servofreno (arriverà a giugno 73).

  • lunghezza di 3,89 m

  • larghezza di 1,59 m

  • altezza di 1,37 m

  • passo di 2,455 m

  • prezzo di 1.420.000 lire

PREGI
  • posto guida sportivo con grande visibilità
  • volante regolabile in altezza
  • impianto di climatizzazione perfetto
  • grande maneggevolezza

DIFETTI

  • livello qualitativo
  • freni duri da azionare
  • poca ripresa